teatro palcoscenico scarica copioni scambio ribalta quinte attore recitare dizione parole musica arte mosaico palco show spettacolo pirandello moliere molière copione copioni vigevano teatro moderno cinema moderno tribunale gabba pietro elisa piras eleonora bianchi eleonora cattaneo beppe bianchi salvatore poleo orlandini fabrizio michele bianchi gian marco marenghi stefania benassi luca bianchi antonella greni siro salvadeo antonio sicignano daniela colombi fulvio palombi vincenzo lamanna recitazione scenografia testo testi autori autore botola suggeritore libri dario fo rumori fuori scena arlecchino truffaldino la cena dei cretini francis veber francoise pignon just le blanc christine le guirrec lucien cheval pierre brochant pantalone brighella smeraldina beatrice rasponi florindo aretusi dottor lombardi clarice il gatto in tasca le chat en poche a scatola chiusa
Header
Associazione Culturale Il Mosaico, via San Pio V, 8 - 27029 Vigevano (PV) | Compagnia teatrale Il Mosaico | Compagnia teatrale Gli Anti Nati | UNI3
TEATRO AL BUIO CON ALESSANDRO GIRAMI

28 OTTOBRE, “GRAZIE”
 TEATRO AL BUIO CON ALESSANDRO GIRAMI
AL TEATRO MODERNO DI VIGEVANO


Sabato 28 OTTOBRE 2017 - ore 21:00
“GRAZIE”
Teatro al Buio
di Daniel Pennac
con Alessandro Girami


Nei 45 minuti di monologo, una vera e propria piece teatrale in scena nell'oscurità totale, il protagonista, del quale sappiamo solo essere un artista premiato da una giuria per “l’insieme della sua opera,” si trova a dover fare i conti con il dover ringraziare – chi? come? – una platea a lui ignota e che in fondo lo conosce per la prima volta in questa occasione. E’ il pretesto per una digressione acuta e puntigliosa nell’evidenziare l’elemento grottesco presente in azioni quotidiane apparentemente neutre e indolori, come quella di ringraziare chiunque e per qualunque motivo. Per l’autore-protagonista, e per il pubblico che costruisce lo spettacolo insieme a lui, inizia quindi un viaggio che conduce ad una considerazione profonda e sincera sull’arte e sulle emozioni che muovono le persone che in essa trovano il coraggio per vincere il conformismo.
 
La peculiarità di questo “Grazie”, tratto dall’opera omonima di Daniel Pennac pubblicata nel 2004 e di grandissimo successo anche in Italia, è nel suo prendere forma nel buio totale, ma ricco di suoni e anche di musica, nel quale sono immersi sia il pubblico, sia l’attore in scena.
 
Alessandro Girami, autore, regista e interprete dello spettacolo, con la sola voce e i propri movimenti in scena, non visibili dagli occhi ma intensamente percepiti dagli spettatori che se ne sentono avvolti, dà vita ad un’esperienza sensoriale senza precedenti che riconduce all’essenza del teatro stesso: la comprensione reale di ciò che avviene in scena, legata principalmente all'ascolto, senza l’ausilio – che spesso è anche distrazione – di elementi visivi. In questo caso lo spettatore è costretto a creare le proprie immagini, a cercare il proprio spettacolo in un continuo dialogo emotivo con ciò che sente accadere intorno a sé.

“Grazie” nel “Teatro al Buio” – una fra le iniziative più interessanti ospitate dall’Istituto dei Ciechi di Milano dal 2009 ad oggi – è un’esperienza unica ed emozionante, un viaggio nell’arte e dentro di sé.
 
NOTA: è necessario presentarsi 30 minuti prima che inizi lo spettacolo. A spettacolo iniziato non è possibile accedere alla sala
 
Alessandro Girami è pittore, scenografo e attore teatrale, diplomato in scenografia all’Accademia di Belle Arti di Brera . È stato collaboratore di Dario Fo, assistendolo in vari spettacoli e collaborando nei disegni e dipinti de il “Boccacio Riveduto e Scorreto”, uscito nel 2011 per Guanda.
Attualmente collabora con Teatro al Buio, all’Istituto dei Ciechi a Milano.
 
Info e prenotazioni al numero 348.1127776 oppure tramite la pagina facebook “Teatro Moderno di Vigevano”
Appuntamenti di Ottobre

APPUNTAMENTI DI OTTOBRE AL TEATRO MODERNO DI VIGEVANO

ANTEPRIMA DELLA STAGIONE
Giovedì 12 OTTOBRE 2017 - ore 20.30
“SUMINO ‘O FALCO - AUTOBIOGRAFIA DI UN ERGASTOLANO”
Incontro con Cosimo Rega
Ingresso gratuito

“SUMINO ‘O FALCO - AUTOBIOGRAFIA DI UN ERGASTOLANO”
Romanzo
2012
Casa editrice: Robin edizioni

 
“Ho impiegato quattro anni a scriverlo. Uno dei motivi che mi ha spinto a raccontarmi credo sia stata la necessità di capire chi fossi veramente. Avvertii la necessità di fare un lungo viaggio dentro di me che mi portasse a comprendere il grande dilemma dell’apparire di cui ero stato superbamente vittima, e l’essere fragile che ero stato. Un lungo viaggio nei miei “buchi neri” che dominavano la mia personalità. È costata tanta sofferenza, ma ne è valsa la pena.”

Attore, regista, scrittore, ergastolano, Cosimo Rega nasce nel 1952 a Sant’Egidio del Monte Albino (Sa).
Una vita segnata da circostanze che l’hanno visto coinvolto, sin da giovanissimo, nel contesto della camorra salernitana.
A trentotto anni, la sentenza all’ergastolo.
Cosimo Rega scopre la realtà carceraria e sente la necessità di sfuggire all’abbrutimento che causa una vita priva di libertà.
Inizia così a tirare fuori il meglio di sé, studiando, confrontandosi con l’arte, con i grandi drammaturghi, avvicinandosi al teatro, alla scrittura, formando il primo gruppo teatrale a Rebibbia nel 2002 che diede poi vita alla compagnia teatrale dei “Liberi Artisti Associati”.
Poi l’incontro con i fratelli Taviani e la proposta di girare un film “Cesare deve morire”, premiato alla 62esima edizione del Festival di Berlino con l’Orso d’Oro e la candidature all’Oscar.
Cosimo Rega decide di raccontarsi, parla della sua vita e del suo riscatto morale nelle 480 pagine del libro “Sumino o’ falco – Autobiografia di un ergastolano” un lungo viaggio dell’autore per comprendere la propria personalità, le fragilità e gli errori del passato.
Oggi Cosimo sogna di poter lavorare come operatore nel carcere e rendere in qualche modo utile la sua esperienza di trentaquattro anni di reclusione e di uomo che si è riscattato completamente.


www.cosimorega.it
 

Venerdì 20 OTTOBRE 2017 - ore 20.30
“LA SPECIE NUOVA: TEORIA E PRATICA DELL’EVOLUZIONE”
Seminario di Igor Sibaldi

Ingresso € 20

Di tanto in tanto si verifica, in ogni civiltà, un fenomeno evolutivo chiamato “speciazione culturale”.
È il formarsi di un nuovo tipo di individui, più audaci, più esigenti, più energici, che superano la propria epoca e creano prospettive eccezionali. Sono state speciazioni l’arca di Noè e la fuga di Mosè dall’Egitto, la grande migrazione verso l’America ai primi del Novecento e la nascita di una nuova classe di miliardari nella Russia post-sovietica.
In ciascuno di questi casi si riconoscono le stesse dinamiche, affascinanti e drammatiche. Prima fra tutte: la rapidità. La speciazione culturale è improvvisa: può avvenire nell’arco di una o due generazioni. È una via che d’un tratto si apre, per opera di un individuo o per un processo collettivo, e con altrettanta rapidità si richiude. Chi riesce ad entrarvi cambia per sempre il proprio destino. Gli altri rimangono indietro, irrimediabilmente fermi, inchiodati alla vita di sempre.
Anche oggi questo fenomeno è in corso. Si tratta di vederlo, di capirlo e di coglierne i vantaggi. Di decifrare i tratti caratteristici degli appartenenti alla “nuova specie” e di avere il coraggio di farne parte, prima che si dissolvano le condizioni favorevoli al cambiamento.

“È sufficiente guardarsi intorno, per accorgersi di come l’umanità si stia scindendo
tra costruttori di futuro e persone impaurite.
Ed è il momento di scegliere se stare con gli uni o con le altre.”

Igor Sibaldi,filosofo, scrittore e regista. È autore di best seller, quali I maestri invisibili, Il frutto proibito della conoscenza, Il libro degli Angeli.
Ampia è anche la sua attività di studioso di teologia e di filologo, nell’ambito delle Sacre Scritture ebraiche (Libro della creazione) e protocristiane (Il codice segreto del Vangelo).
In numerosi volumi espone la sua innovativa teoria della psiche: “I confini del mondo”, “Il mondo dei desideri”, “Al di là del deserto”.

Il professore che sa tutto, il campione mondiale, ci ha conquistati.
Le persone come Igor sono un po’ rare e un po’ matte.
FABIO VOLO
 
Igor Sibaldi sta riuscendo nell’impresa di portare la filosofia vicino alla gente.
VANITY FAIR

 

Sabato 28 OTTOBRE 2017 - ore 21.00
“GRAZIE”
Teatro al Buio
di Daniel Pennac
con Alessandro Girami


Nei 45 minuti di monologo, una vera e propria piece teatrale in scena nell'oscurità totale, il protagonista, del quale sappiamo solo essere un artista premiato da una giuria per “l’insieme della sua opera,” si trova a dover fare i conti con il dover ringraziare – chi? come? – una platea a lui ignota e che in fondo lo conosce per la prima volta in questa occasione. E’ il pretesto per una digressione acuta e puntigliosa nell’evidenziare l’elemento grottesco presente in azioni quotidiane apparentemente neutre e indolori, come quella di ringraziare chiunque e per qualunque motivo. Per l’autore-protagonista, e per il pubblico che costruisce lo spettacolo insieme a lui, inizia quindi un viaggio che conduce ad una considerazione profonda e sincera sull’arte e sulle emozioni che muovono le persone che in essa trovano il coraggio per vincere il conformismo.
 
La peculiarità di questo “Grazie”, tratto dall’opera omonima di Daniel Pennac pubblicata nel 2004 e di grandissimo successo anche in Italia, è nel suo prendere forma nel buio totale, ma ricco di suoni e anche di musica, nel quale sono immersi sia il pubblico, sia l’attore in scena.
 
Alessandro Girami, autore, regista e interprete dello spettacolo, con la sola voce e i propri movimenti in scena, non visibili dagli occhi ma intensamente percepiti dagli spettatori che se ne sentono avvolti, dà vita ad un’esperienza sensoriale senza precedenti che riconduce all’essenza del teatro stesso: la comprensione reale di ciò che avviene in scena, legata principalmente all'ascolto, senza l’ausilio – che spesso è anche distrazione – di elementi visivi. In questo caso lo spettatore è costretto a creare le proprie immagini, a cercare il proprio spettacolo in un continuo dialogo emotivo con ciò che sente accadere intorno a sé.
 
“Grazie” nel “Teatro al Buio” – una fra le iniziative più interessanti ospitate dall’Istituto dei Ciechi di Milano dal 2009 ad oggi – è un’esperienza unica ed emozionante, un viaggio nell’arte e dentro di sé.
 
NOTA: è necessario presentarsi 30 minuti prima che inizi lo spettacolo. A spettacolo iniziato non è possibile accedere alla sala
 
Alessandro Girami è pittore, scenografo e attore teatrale, diplomato in scenografia all’Accademia di Belle Arti di Brera . È stato collaboratore di Dario Fo, assistendolo in vari spettacoli e collaborando nei disegni e dipinti de il “Boccacio Riveduto e Scorreto”, uscito nel 2011 per Guanda.
Attualmente collabora con Teatro al Buio, all’Istituto dei Ciechi a Milano


Ricordiamo, inoltre, che a partire da LUNEDI’ 16 OTTOBRE dalle ore 20 alle ore 22 inizia il nuovo percorso di laboratorio teatrale per adulti e studenti, condotto dal Direttore Artistico Corrado Gambi, che avrà come tema l’IDENTITA’. Per info e dettagli tel.347.55.48.522.
 

Tempo Moderno 10: la nuova stagione!!!

Ecco a voi il calendario di questa nuova stagione teatrale "Tempo Moderno 10". Certi di offrire sempre spettacoli di altissima qualità, vi aspettiamo a teatro!

Clicca per ingrandire:

Calendario Tempo Moderno 10 - La nuova stagione

Custodi Di Memoria

Venerdì 19 maggio 2017 - ore 21.00

La Compagnia Le Tre Corde & Istituto Tecnico Statale "LUIGI CASALE" presentano:

CUSTODI DI MEMORIA




Prenota online! >>

Teatrando

Sabato 20 maggio 2017 - ore 21.00

I corsi di recitazione organizzati dall'ACSD Art On Stage di Vigevano, tenuti da Roberto Puddu, presentano:

"TEATRANDO"



Sabato 20 maggio 2017 - 21:00
Teatro Moderno di Vigevano - Via S. Pio V, 8
"TEATRANDO"
Ragazzi e adulti porteranno in scena sketch della tradizione comica italiana (Totò, Peppino, Troisi, Benigni, La smorfia, Aldo Giovanni e Giacomo) e atti unici brillanti.
Sul palco, per la prima volta insieme e per qualcuno per la prima volta in assoluto: Laura Bazzan, Irene Burato, Miriam Castrovinci, Anna Corniani, Sofia De Ambrogi, Antonio Fiorenza, Rosa Gisondi, Emanuele Montagna, Fabio Rapetti, Stefania Stanganello, Giusi Trivisonno, Sofia Vendramini e Alessia Villa.
Info e prenotazioni 338-1499074 (Roberto) acsdartonstage@gmail.com
Biglietto unico € 5

Laboratorio Teatrale!

VENERDI' 21 APRILE 2017 - ore 21.00

Dal laboratorio teatrale del Teatro Moderno

"UN VASCELLO VELOCE COME UN LIBRO"



VENERDI' 21 APRILE 2017 - 21:00:
Teatro Moderno di Vigevano - Via S. Pio V, 8
"UN VASCELLO VELOCE COME UN LIBRO"
Finale di laboratorio
Un percorso misto di carattere laboratoriale e di spettacolo, un percorso di vera e propria ricerca da compiere dentro e fuori se stessi: il teatro è un grandissimo strumento che consente di arrivare ad una rivelazione e scoperta di sé.
Un piccolo viaggio che ha dato nuove possibilità a ciascuno dei partecipanti, possibilità che sono alla base della storia del teatro e che rendono ognuno di noi unico ed irripetibile.
Tutti possono iniziare questo viaggio: non ci sono limiti di età, è richiesta solo la disponibilità della persona di mettersi in “viaggio” con il gruppo: una fuga dalla realtà quotidiana e soprattutto una ricerca per ri-trovare sé stessi.
Questo percorso è stato diretto e curato dal direttore artistico del Teatro Moderno, Corrado Gambi, attore, regista ed esperto di laboratori teatrali: svolge queste attività da oltre 30 anni in tutte le scuole di ogni ordine e grado e con gruppi adulti e misti.
Non perdete l’occasione di vedere cosa porteranno in scena tutti coloro che si sono impegnati in questo laboratorio: Stefano Asni, Massimo Boiocchi, Deborah De Blasi, Guido Franceschilli, Francesca Rifici, Maria Teresa Sacchi, Laura Stellin, Valentina Tessera e Giusy Trivisonno vi faranno viaggiare tra le pagine dei loro e dei vostri libri!
Info e prenotazioni 348-1127776
Biglietti: UNICO € 10

SHHHHH!!! AN IMPROVISED SILENT MOVIE

08 APRILE 2017 - ore 21.00

!!!SHHHHH!!! AN IMPROVISED SILENT MOVIE!!!

Dopo il musical improvvisato tornano i Bugiardini a Vigevano con la loro improvvisazione



SABATO 8 APRILE 2017 - 21:00:
Teatro Moderno di Vigevano - Via S. Pio V, 8
I Bugiardini
"SHHHHH! AN IMPROVISED SILENT MOVIE"
Il primo film muto improvvisato della storia del teatro.
I Bugiardini - l’improvvisazione con effetti collaterali - vi invitano al loro Shhhhh - an improvised silent movie, lo spettacolo che ha fatto de i Bugiardini una delle compagnie d'improvvisazione più stimate a livello nazionale e internazionale.
Con già diverse repliche alle spalle tra Germania, Portogallo, Regno Unito, Canada e Stati Uniti e con tre partecipazioni al prestigioso Fringe Festival di Edimburgo, "Shhh - an improvised silent movie" è un vero e proprio film muto improvvisato, con musiche, storie e tematiche ispirati allo stile e alle atmosfere del Cinema Muto. Cinque attori e un musicista - autori e registi di loro stessi - creeranno dal nulla una piece di un'ora sulla scia dei grandi capolavori di Charlie Chaplin, Harold Lloyd, Buster Keaton e di altre star del cinema degli anni 20. Uno show universalmente comprensibile, destinato ad un pubblico internazionale e fruibile anche da spettatori non udenti. Uno spettacolo che lascerà pubblico e attori senza parole, che innova e amplia i confini dell'improvvisazione teatrale.
"Shhh" è lo show che ha fatto parlare tutti. Tranne noi.
I BUGIARDINI sono una compagnia teatrale, specializzata in spettacoli di improvvisazione nata nel 2007, da un gruppo di improvvisatori con esperienza decennale formatosi tra Europa, Canada e Stati Uniti. Ad ogni loro spettacolo, I BUGIARDINI, armati di tecnica e fantasia, offrono agli spettatori un evento unico e nella stessa serata possono succedersi differenti stili teatrali e cinematografici, epoche storiche, improvvisazioni in rima o cantate.
La certezza è che il pubblico viene esposto ad imprevedibili effetti collaterali: risate incontrollabili, colpi di scena e attimi di pura poesia. Tali spettacoli, creati sul momento, rappresentano un'esperienza irripetibile sia per il pubblico che per gli attori. L'improvvisazione sarà il mezzo per condurli, attraverso le loro storie, lontani dalla pianificazione e pronti a seguire ed interpretare l'attimo fuggente. Tra i loro grandi successi "Shhh - an improvised silent movie" premiato come "Outstanding show" al Fringe Festival di Edimburgo e "B.L.U.E. - il musical completamente improvvisato" reduce da una stagione di grande successo al prestigioso Teatro 7 di Roma.

www.silentimprov.com www.bugiardini.it
Biglietti: Intero € 13 - Ridotto € 10
Info e prenotazioni 348-1127776

Prenota online >>
Antigone

01 APRILE 2017 - ore 21.00

!!!"ANTIGONE": un classico greco in chiave moderna!!!



Teatro Moderno di Vigevano - Via S. Pio V, 8

Le Tre Corde Società Cooperativa - Compagnia Teatrale della Luna Crescente "ANTIGONE"

con: Cameron Beckett, Luca Cesani, Arianna Marani, Gloria Menduni, Angelica Lucia Ritucci, Laura Tranchini
Regia: Corrado Gambi
L'Antigone mette in scena un conflitto di valore universale, quello fra le leggi dello stato e quelle della pietà e dell'amore, e propone una riflessione sul tema della responsabilità individuale. Molto spesso nella storia l'obbedienza alle leggi e agli ordini è stata invocata come giustificazione per commettere o tollerare crimini orrendi; in molte occasioni invece il sottrarsi a leggi considerate “ingiuste” è stato un modo per giustificare l'illegalità. L'Antigone pone quindi alla coscienza, allora come oggi, un dilemma che non ha una risposta univoca, ma che impone ogni volta una riflessione ed una decisione: e proprio in questo stanno la sua forza e la sua perdurante attualità.
L’antefatto è noto…
Siamo a Tebe: il re Edipo, dopo aver scoperto di avere ucciso, senza saperlo, il padre Laio e sposato la madre Giocasta, si acceca e lascia la città. I due figli di Edipo e Giocasta si uccidono a vicenda in duello per conquistare il potere, ma poiche è stato Polinice a prendere le armi contro la città, il nuovo re Creonte decreta che il suo corpo non venga sepolto e sia lasciato in balìa dei corvi e dei cani. Antigone, nipote di Creonte e sorella dei due guerrieri caduti, decide di seppellire comunque il fratello morto, pur sapendo che questa disobbedienza le costerà la vita e nonostante i tentativi della sorella Ismene di dissuaderla: la pietà e l'amore glielo impongono. La collera di Creonte, quando apprende che la sua legge è stata violata, è tremenda: Antigone viene condannata a morire sepolta viva in una grotta. Troppo tardi, preoccupato da foschi presagi, il re dà ordine di liberare la fanciulla: le guardie trovano morti nella grotta Antigone ed Emone, figlio di Creonte e fidanzato di Antigone, mentre anche la regina Euridice si è uccisa per il dolore. Annientato, Creonte invoca la morte…
Fino a qui è Sofocle… Ma la nostra Antigone è altro…
L’ambientazione è una “morgue” diretta da un medico legale e da un inserviente che “raccontano” le vicende dei personaggi defunti, in una sorta di “affresco” onirico e ai limiti dell’alienato, ma mai macabro.
Qui, Antigone è una ragazza “selvaggia”, adolescente ribelle, magra e scontrosa, inquieta e insoddisfatta, depositaria dell’eredità etica del padre Edipo, desiderosa di dare senso alla propria vita, totalmente incapace a scendere a compromessi, ancor più se mirano ad ottenere una falsa, ipocrita felicità “costi quel che costi”. Una Antigone che arriva ai giorni nostri come simbolo di lotta a guerre e tirannie, metafora del senso della giustizia privata e collettiva, contro la mediocrità e lo squallore di una vita che scorre “voltando lo sguardo da un’altra parte”, fuggendo responsabilità e consapevolezza. E allora i personaggi del Mito si mescolano con i personaggi della Storia… di una Storia… di tutte le Storie… Nello stesso tourbillon drammaturgico troviamo un’Antigone fiera “Jeanne d’Arc” contro l’ipocrisia, un Creonte vecchio e malato, “morto senza ancora sapere di esserlo” che invecchia affidato alle cure di una poco convinta provvisoria badante, un Creonte vittima e carnefice allo stesso tempo, prigioniero della sua “cecità” mascherata da etica… troviamo poi il medico e l’inserviente, “padroni di una casa abitata da morti”, anch’essi nel buio di una storia personale che li emargina e li “dimentica socialmente”…
Insomma un Grand Guignol che prende forma dai personaggi/cadaveri, “storie abbandonate” in modo differente, ma molto simili…
“Teatro nel Teatro”, si potrebbe dire… in un grigio tempo storico che sembra, ahimé, non passare mai di moda…
Biglietti: Intero € 13 - Ridotto € 10
Info e prenotazioni 348-1127776

Prenota online >>
Le signore e il canto dei poeti
SABATO 11 MARZO 2017 – ore 21.00:
Free Two Lean
"LE SIGNORE E IL CANTO DEI POETI: Omaggio a Mina, Fiorella Mannoia, Mia Martini"

Teatro Moderno di Vigevano - Via S. Pio V, 8

Paola Polastri: vocal
Italo Bianchi: keyboards
Marco Groppi: trumpet
Giancarlo Mainini: drums
Emanuele Moretto: electric bass

Valentina Beia: lyrics and narrator
Vincenzo Di Fraia: stage director
Lo spettacolo "Le Signore e il canto dei Poeti" , che per il secondo anno consecutivo I Free Two Lean stanno portando nei teatri, è non solo un tributo a Mia Martini, Fiorella Mannoia, Mina e alle altre grandi interpreti italiane, ma altresì un omaggio a chi negli anni ha scritto per loro delle vere e proprie poesie in musica: da Lucio Dalla a Vinicio Capossela, da Lucio Battisti a Ivano Fossati.
Biglietti: Intero € 13 - Ridotto € 10
Info e prenotazioni 348-1127776

Prenota online >>

Riflessi di Donna

!!!Speciale per la celebrazione della Festa della Donna!!!

SABATO 4 MARZO 2017 – ore 21.00

DOMENICA 5 MARZO 2017 – ore 16.00

"RIFLESSI DI DONNA"



SABATO 4 MARZO 2017 – ore 21.00:
SABATO 5 MARZO 2017 – ore 16.00:
Teatro Moderno di Vigevano - Via S. Pio V, 8
Evento Speciale in occasione della celebrazione dell'8 Marzo - Festa della Donna
Compagnia Teatrale Il Mosaico - Le Tre Corde
"RIFLESSI DI DONNA"
con: le attrici e gli attori della Compagnia Teatrale il Mosaico
testo e regia: Corrado Gambi
produzione: Teatro Moderno di Vigevano
Stefania, Paola, Daniela, Gabriella, Francesca, Marina, Ilaria, Graziella… Tante donne… Tante storie di donne...
Riflessi diversi, vite diverse, molteplici facce spesso nascoste... per paura, per pudore, per rassegnazione... Facce spesso rivelatrici di grande personalità, e quasi sempre di grande fragilità.
Storie nascoste o ostentate con orgoglio… madri, figlie, spose, vedove… artiste, donne in carriera, donne impegnate, donne comuni… deluse, ferite, maltrattate, arrabbiate, sognanti.
In scena le attrici (e gli attori – con loro ci saranno infatti Pietro Temporin e Piersilvio Santi) della Compagnia Teatrale Il Mosaico, in un testo-collage di tanti monologhi, indossati come abiti diversi… Riflessi di un unico volto e allo stesso tempo metafora di tante storie quotidiane. Riflessi in cui si potranno specchiare tante donne presenti tra il pubblico, in cui potranno ri-conoscersi e magari trovare forza d’espressione.
E, perché no, frammenti di storie in cui anche molti uomini potranno immergersi, magari “riflettendo”... su se stessi...
Un’occasione speciale per celebrare la Giornata Internazionale della Donna, con l’auspicio che questa festa diventi davvero pratica del quotidiano di ognuno di noi, e non solo un evento che copre troppe e intollerabili violenze e prevaricazioni.
Biglietti: Intero € 13 - Ridotto € 10

Pagine:  2  3  4 





RSS-Stagione

RSS-Blog
Sito realizzato da Pietro Gabba | gabba.pietro@gmail.com | via Bellini, 13 - 27029 Vigevano(PV)

Very few watches can claim that. Rolex offered a significant bracelet upgrade for its newest generation Rolex Submariner replica watches uk models. The most important elements of the upgrade are the bracelet's profile and ability to be micro-adjusted. More on that in a second. For years, the Rolex Submariner replica watches uk bracelet was a three-link tapering steel bracelet. Tapering means that the lugs replica watches uk get narrower closer to the deployant clasp. This actually helps the bracelet be more comfortable, and visually makes the case look a bit larger. Few brands make bracelets with tapering links because it increases the numbers of part types they need to produce to replica watches uk make them. Though I recommend tapering bracelets when they are available. For many years, Rolex replica watches deployant clasps stuck out awkwardly under your wrist. With the newest generation bracelets, they offer a much more clean profile - which was a welcome improvement.